muriel barbery

un’estasi per interposta persona – muriel barbery

andré kertész

andré kertész

non è molto difficile da capire: tutte queste cose che passano, che ci sfuggono per un’inezia e che perdiamo per l’eternità… tutte le parole che avremmo dovuto dire, i gesti che avremmo dovuto fare, i kairòs folgoranti che un giorno sono apparsi ma che non abbiamo saputo cogliere, e che sono sprofondati per sempre nel nulla… lo smacco appena un pelo più in là… ma soprattutto mi è venuta un’altra idea, per via dei neuroni specchio. un’idea inquietante, a dire il vero, forse vagamente proustiana. e se la letteratura fosse una televisione ...>>

Tags: ,

domenica 30 ottobre, 2011 19:44:08 visioni Nessun commento