milena jesenská

quasi profeticamente – milena jesenská/franz kafka

piet mondrian

piet mondrian

[…] lo conoscevano in pochi perché era un individuo solitario, un uomo sapiente, spaventato dal mondo. da anni era affetto da una malattia polmonare e sebbene la curasse, tuttavia consapevolmente la nutriva e incoraggiava col pensiero. quando l’animo e il cervello non riescono più a tollerare il peso, scrisse una volta in una lettera, i polmoni se ne addossano la metà, affinché esso perlomeno sia meglio distribuito. cosí fu anche per la sua malattia. essa gli conferiva una delicatezza quasi stupefacente, un raffinamento d’ingegno del tutto alieno da compromessi; ma lui, l’uomo, aveva scaricato sulla malattia tutta la propria angoscia intellettuale. era timido, timoroso, delicato e buono, ma i suoi libri sono crudeli e dolorosi. nel mondo scorgeva invisibili demoni, che straziano e distruggono l’essere umano indifeso. ...>>

Tags: , ,

mercoledì 9 maggio, 2012 14:16:37 angeli feriti qualunque Nessun commento