josé saramago

l’altro lato – josé saramago

karl blossfeldt

karl blossfeldt

come saranno le cose quando non le guardiamo? questa domanda, che mi sembra ogni giorno meno assurda, l’ho fatta molte volte da bambino, ma la facevo solo a me stesso, non a genitori o a insegnanti, perché immaginavo che essi avrebbero sorriso della mia ingenuità (o della mia stupidità, secondo un’opinione più radicale) e che mi avrebbero dato l’unica risposta che non mi poteva convincere: “le cose, quando non le guardiamo, sono uguali a quello che sembrano quando stiamo guardando”. ho sempre pensato che le cose, quando restavano da sole, fossero qualcos’altro. ...>>

Tags: ,

domenica 14 aprile, 2013 23:47:33 visioni Nessun commento

la certezza della mia fragilità – josé saramago

andrea del verrocchio

andrea del verrocchio

duro? no. sono fragile, mi creda. ed è la certezza della mia fragilità che mi porta a sottrarmi ai legami. se mi abbandono, se mi lascio catturare, sono perduto

ordinabile presso

Tags: ,

lunedì 24 dicembre, 2012 12:21:28 silenzi Nessun commento

i cervelli sono pieni di parole – josè saramago

emilio isgrò

emilio isgrò

le parole sono buone. le parole sono cattive. le parole offendono. le parole chiedono scusa. le parole bruciano. le parole accarezzano. le parole sono date, scambiate, offerte, vendute e inventate. le parole sono assenti. alcune parole ci succhiano, non ci mollano; sono come zecche: si annidano nei libri, nei giornali, nelle carte e nei cartelloni. ...>>

Tags: ,

domenica 9 ottobre, 2011 11:42:29 visioni Nessun commento

il fiore delle anime – josé saramago

robert mapplethorpe

robert mapplethorpe

vengano infine le alte allegrie,
le ardenti aurore, le notti calme,
venga la pace agognata, le armonie,
e il riscatto del frutto, e il fiore delle anime.
che vengano, amor mio, perché questi giorni
son di stanchezza mortale,
di rabbia e agonia
e nulla.

ordinabile presso

Tags: ,

martedì 4 gennaio, 2011 14:30:48 angeli feriti qualunque Nessun commento

ogni persona è un silenzio – josé saramago

mimmo jodice

mimmo jodice

si dice che ogni persona è un’isola, e non è vero, ogni persona è un silenzio, questo sì, un silenzio, ciascuna con il proprio silenzio, ciascuna con il silenzio che è.

ordinabile presso

Tags: ,

mercoledì 6 ottobre, 2010 19:25:38 silenzi Nessun commento

senza aspettarsi che gli rispondano – josé saramago

bill armstrong

bill armstrong

mi ami?, e lei se ne sta zitta, guardandolo soltanto, impassibile e distante, rifiutando di pronunciare quel no che lo distruggerà, o quel sì che li distruggerebbe, concludiamone dunque che il mondo sarebbe assai migliore se ciascuno si accontentasse di quello che dice, senza aspettarsi che gli rispondano, e soprattutto senza chiederlo né desiderarlo.

ordinabile presso

Tags: ,

mercoledì 23 giugno, 2010 17:40:52 visioni Nessun commento

qualcuno che sono stato in passato – josé saramago

luigi ghirri - comacchio

luigi ghirri - comacchio

la memoria è anche una statua di argilla. il vento passa e, a poco a poco, le porta via particelle, granelli, cristalli. la pioggia ammorbidisce i lineamenti, fa incurvare le membra, riduce il collo. minuto dopo minuto, quello che era non è piú e della statua non resterebbe altro che una sagoma informe, un impasto primario, se pure un minuto dopo l’altro non continuassimo a restaurare, a memoria, la memoria. la statua si manterrà in piedi, non è la stessa, ma non è un’altra, come l’essere vivente è, in ogni momento, altro e se stesso. perciò dovremmo domandarci chi di noi, o in noi, abbia memoria, e quale sia questa memoria. e non solo: mi domando che inquietante memoria sia quella che talvolta mi assale di essere io la memoria che possiede oggi qualcuno che sono stato in passato, come se nel presente fosse infine possibile essere la memoria di qualcuno che fosse stato.

ordinabile presso

Tags: ,

martedì 15 giugno, 2010 23:13:12 silenzi Nessun commento

un’indipendenza rude e illimitata – josé saramago

francesca woodman

francesca woodman

rimango sempre di stucco davanti alla libertà delle donne. noi le vediamo come esseri subalterni, ci divertiamo alle loro futilità, le cambiamo quando ormai sono sciupate, e ognuna di loro è capace di coglierci alla sprovvista, ...>>

Tags: ,

domenica 14 marzo, 2010 17:55:16 silenzi Nessun commento