jean baudrillard

la velocità della luce – jean baudrillard

andré kertèsz

andré kertèsz

la velocità della luce protegge la realtà delle cose, infatti ci garantisce la contemporaneità delle immagini che ne riceviamo. tutta la verosimiglianza di un universo causale verrebbe meno con un cambiamento sensibile di questa velocità. tutte le cose interferirebbero in un disordine completo. tant’è vero che questa velocità è il nostro punto di riferimento, il nostro Dio, e sta per noi come un assoluto. se la luce cade in velocità relative, niente più trascendenza, niente più Dio per riconoscere ciò che ci attiene, l’universo cade nell’indeterminazione.
è quel che si produce oggi, quando, con i media elettronici, l’informazione comincia a circolare dappertutto alla stessa velocità della luce. non c’è più un assoluto a cui commisurare il resto. ma dietro a questa accelerazione qualcosa comincia a rallentare in modo assoluto. siamo forse noi che cominciamo a rallentare assolutamente.
e se la luce rallentasse fino a scendere a velocità “umane”? se ci bagnasse con un flusso di immagini rallentato, fino a diventare più lenta di noi? ...>>

Tags: ,

giovedì 1 dicembre, 2011 16:23:13 visioni Nessun commento

più pieno del pieno – jean baudrillard

lucian freud

lucian freud

nemmeno il vuoto cede di fronte al pieno, ma di fronte alla pletora e alla saturazione – più pieno del pieno, tale è la reazione del corpo nell’obesità, del sesso nell’oscenità, la sua abreazione al vuoto. il movimento non scompare tanto nell’immobilità quanto nella velocità e nell’accelerazione – nel più mobile del movimento, se così si può dire, e che lo conduce all’estremo mentre lo spoglia di senso.

ordinabile presso

Tags: ,

sabato 10 settembre, 2011 13:04:27 angeli feriti qualunque Nessun commento

superflue le parole – jean baudrillard

irving penn

irving penn

la seduzione degli occhi. la più immediata, la più pura. quella che rende superflue le parole, solo gli sguardi si impegnano in una sorta di duello, di subitaneo abbraccio, all’insaputa degli altri e del loro discorso: fascino discreto di un orgasmo immobile e silenzioso. caduta d’intensità quando la tensione incantevole degli sguardi si scioglie in parole, o in gesti d’amore. tattilità degli sguardi in cui si concentra tutta la sostanza virtuale dei corpi (del loro desiderio?) in un istante sottile, come in un motto di spirito – duello voluttuoso e sensuale, e al tempo stesso disincarnato – modello perfetto della vertigine della seduzione, e che nessuna voluttà carnale potrà mai eguagliare

ordinabile presso

Tags: ,

domenica 1 maggio, 2011 12:55:34 visioni Nessun commento

il mondo sulla pellicola è di un’evidenza perfetta – jean baudrillard

J-BAUDRILLARD-PARIS-1996

jean baudrillard - paris

la fotografia è il nostro esorcismo.
la società primitiva aveva le sue maschere, la società borghese i suoi specchi, noi abbiamo le nostre immagini. ...>>

Tags:

giovedì 7 gennaio, 2010 16:34:33 visioni Nessun commento