frederick leighton

l’estate giunge – rainer maria rilke

frederick leighton

frederick leighton

le opere d’arte sono di una solitudine infinita, e nulla può raggiungerle meno della critica. solo l’amore le può afferrare e tenere e può essere giusto verso di loro. dia ogni volta ragione a se stesso e al suo sentimento, contro ognuno di quei dibattiti, commenti o introduzioni; e se pure dovesse avere torto, la naturale crescita della sua vita interiore la guiderà a poco a poco e col tempo verso altre intuizioni. lasci ai suoi giudizi il loro quieto e indisturbato sviluppo, che, come ogni progresso, deve venire dal profondo, e non può essere in alcun modo incalzato o affrettato. tutto è condurre a termine e poi partorire. lasciare che ogni impressione e ogni germe di un sentimento si compia tutto dentro, nell’ombra, nell’indicibile e inconscio e inattingibile alla propria ragione, e con profonda umiltà e pazienza attendere l’ora della nascita di una nuova chiarezza: questo solo significa vivere da artista: nel comprendere come nel creare. ...>>

Tags: ,

giovedì 25 agosto, 2011 11:29:54 visioni Nessun commento