dino buzzati

un presentimento d’amore – dino buzzati

andy goldsworthy

andy goldsworthy

tutto ciò che ci affascina nel mondo inanimato, i boschi, le pianure, i fiumi, le montagne, i mari, le valli, le steppe, di più, di più, le città, i palazzi, le pietre, di più, il cielo, i tramonti, le tempeste, di più, la neve, di più, la notte, le stelle, il vento, tutte queste cose, di per sé vuote e indifferenti, si caricano di significato umano perché, senza che noi lo sospettiamo, contengono un presentimento d’amore

ordinabile presso

Tags: ,

lunedì 14 gennaio, 2013 20:26:55 respirare Nessun commento

che triste sbaglio – dino buzzati

vincent van gogh

vincent van gogh

che triste sbaglio, pensò drogo, forse tutto è così, crediamo che attorno ci siano creature simili a noi e invece non c’è che gelo, pietre che parlano una lingua straniera, stiamo per salutare l’amico ma il braccio ricade inerte, il sorriso si spegne, perché ci accorgiamo di essere completamente soli

ordinabile presso

Tags: ,

giovedì 20 settembre, 2012 21:56:10 angeli feriti qualunque Nessun commento

lo stesso stampo netto e genuino – dino buzzati

antonello da messina

antonello da messina

lui si ricordò di una madonna di antonello da messina. il taglio del volto e la bocca erano identici. la madonna aveva più dolcezza, certo. ma lo stesso stampo netto e genuino

ordinabile presso

Tags: ,

domenica 25 marzo, 2012 19:31:03 visioni Nessun commento

quella spaventosa precipitazione – dino buzzati

aaron siskind

aaron siskind

perché lui era stato come pietra legata a una corda e fatta girare più svelto, sempre più svelto, e a farla girare era il vento, era la bufera d’autunno, era la disperazione, l’amore. e così follemente girando, non si distingueva più che forma aveva; era diventato una specie di anello fluido e palpitante. lui era un cavallo di giostra, e a un tratto la giostra si era messa a girare in modo pazzo, più svelta, sempre più svelta e a farla girare così era lei, era laide, era autunno, era la disperazione, l’amore […] per lui nulla esisteva fuori che lei, laide, quella spaventosa precipitazione, e nel vortice egli non poteva neppure vedere il mondo intorno. tutta la restante vita, anzi, aveva cessato di esistere, non esisteva più, non era mai esistita

ordinabile presso

Tags: ,

giovedì 3 marzo, 2011 19:51:06 visioni Nessun commento

la solitudine della vita – dino buzzati

michael kenna

michael kenna

difficile è credere in una cosa quando si è soli, e non se ne può parlare con alcuno. proprio in quel tempo drogo si accorse come gli uomini, per quanto possano volersi bene, rimangono sempre lontani; che se uno soffre, il dolore è completamente suo, nessun altro può prenderne su di sé una minima parte; che se uno soffre, gli altri per questo non sentono male, anche se l’amore è grande, e questo provoca la solitudine della vita

ordinabile presso

Tags: ,

giovedì 17 febbraio, 2011 17:09:22 angeli feriti qualunque Nessun commento

non c’è che gelo – dino buzzati

michael kenna

michael kenna

che triste sbaglio, pensò drogo, forse tutto è così, crediamo che attorno ci siano creature simili a noi e invece non c’è che gelo, pietre che parlano una lingua straniera, stiamo per salutare l’amico ma il braccio ricade inerte, il sorriso si spegne, perchè ci accorgiamo di essere completamente soli.

ordinabile presso

Tags: ,

giovedì 24 giugno, 2010 15:34:13 angeli feriti qualunque Nessun commento

da quando è proibita la poesia – dino buzzati

lilya corneli - expectation

lilya corneli - expectation

da quando è proibita la poesia, certamente la vita è assai più semplice da noi. ...>>

Tags: ,

domenica 31 gennaio, 2010 20:22:10 visioni Nessun commento