arno rafael minkkinen

al limite – elio vittorini

arno rafael minkkinen

“sai” egli le disse “che cosa sembra?”
“che cosa?” disse berta.
“che io abbia un incantesimo in te”
“ed io in te. non l’ho anche io in te?”
“questa è la nostra cosa”
“sembra ci sia anche altro”
“che altro?”
“che io debba vederti quando sono al limite”
“come, al limite?”
“quando ho voglia di perdermi”

ordinabile presso

Tags: ,

martedì 3 gennaio, 2012 13:01:36 respirare Nessun commento

l’attimo perfetto – pier vittorio tondelli

arno rafael mikkinen

arno rafael mikkinen

io racconto tutto questo per dirvi come molto spesso non siamo affatto noi a scegliere le nostre letture, i nostri dischi o i nostri amori, ma sono gli accadimenti stessi che vengono a noi in un particolare momento, e quello sarà l’attimo perfetto, facilissimo e inevitabile: sentiremo un richiamo e non potremo far altro che obbedire. troppe volte mi capita di rabbuiarmi proprio perché smarrisco questa consapevolezza un po’ orientale che non sia io a cercare le cose, le situazioni, gli amori, ma sono gli eventi – al tempo opportuno – ad arrivare da me

ordinabile presso

Tags: ,

giovedì 13 ottobre, 2011 15:14:06 visioni Nessun commento

come del mare nelle grotte – margaret mazzantini

arno rafael minkkinen

arno rafael minkkinen

delia era una donna, potevi sentire la sostanza della sua persona profonda, potevi sentire quel rumore come del mare nelle grotte. una che ti guarda e non ti lascia. ti viene a salvare nel fondo dove ti sei impigliato. ha un coltello in bocca, ti sgancia i pesi, taglia i lacci delle bombole. o muore lì sotto con te o tornate in superficie insieme.

ordinabile presso

Tags: ,

mercoledì 14 settembre, 2011 20:41:44 respirare Nessun commento

m’innaturo di te – erri de luca

arno rafael minkkinen

arno rafael minkkinen

c’è il verbo snaturare, ci dev’essere pure innaturare,
con cui sostituisco il verbo innamorare
perché succede questo: che risento il corpo,
mi commuove una musica, passa corrente sotto i polpastrelli,
un odore mi pizzica una lacrima, sudo, arrossisco,
in fondo all’osso sacro scondinzola una coda che s’é persa.
mi sono innaturato: è più leale.
m’innaturo di te quando ti abbraccio.

ordinabile presso

Tags: ,

venerdì 9 settembre, 2011 1:19:53 respirare 1 commento

invece di stelle – umberto saba

arno rafael mikkinen

arno rafael minkkinen

fra le tue pietre
e le tue braccia
faccio villeggiatura.

mi riposo in piazza del duomo.

invece di stelle
ogni sera si accendono parole.

ordinabile presso

Tags: ,

mercoledì 7 settembre, 2011 23:24:16 respirare Nessun commento

ha memoria d’acqua – lino di gianni

arno rafael minkkinen

arno rafael minkkinen

per dire, è come un fiume ?
come un fiume, con tutta quell’acqua
che viene giù, e il rumore, eh?
è così? con qualche trota, sassolini
insetti alla deriva, foglie marcite?
così, diresti?
no, non così.
un po’, ma diversa.
ha memoria d’acqua,
ha occhi liquidi, a tratti feriti, salti di dolore ...>>

Tags: ,

lunedì 5 settembre, 2011 15:14:03 respirare Nessun commento

un blocco di pietra – charles bukowski

arno rafael minkkinen

arno rafael minkkinen

io sono poco di compagnia, parlare non è certo la mia passione. non ho voglia di condividere idee, o anime. per me stesso non sono altro che un blocco di pietra. e dentro quel blocco voglio stare, in santa pace. e’ sempre stato così fin dall’inizio. ho resistito ai miei genitori, poi ho resistito alla scuola, poi ho resistito a diventare un bravo cittadino. e’ come se tutto ciò che sono stato lo fossi stato fin dall’inizio. non volevo che nessuno ci mettesse il naso. e non lo voglio nemmeno ora

ordinabile presso

Tags: ,

mercoledì 31 agosto, 2011 8:55:49 silenzi Nessun commento

affonda in me le tue radici – david grossman

arno raphael mikkinen

arno rafael minkkinen

ti prego solo di non andartene, perché se te ne vai ora non fai più ritorno. fuggirai oltre i confini del mondo e non vorrai ricordarti di quello che è iniziato qui, tra me e te, quando l’anima si apre così, lentamente e con dolore, verso un’altra persona. non smettere di scrivere, aggrappati alla penna con la forza che ti è rimasta. stai tremando per lo sforzo, ma continua a scrivere, affondando in me le tue radici. non avere paura. nemmeno di quel pensiero che hai fatto un milione di anni fa, o due giorni fa, quando avresti voluto risvegliarti senza memoria, dopo un incidente o un intervento chirurgico, ricordando a poco a poco, la tua storia e la mia per raccontarla a te stesso, dall’inizio senza sapere, nemmeno per un momento, se in quella storia tu sei l’uomo o la donna. vorrei che tu potessi ricordare come ci si sente quando si è donna, e come ci si sente quando non si è né uomo né donna. solo “essere”, prima di tutto, prima delle definizioni, dei pronomi personali, delle parole e dei generi. forse in questo modo, potresti anche arrivare, quasi per caso, alla possibilità primordiale di essere me.

ordinabile presso

Tags: ,

lunedì 29 agosto, 2011 10:33:59 silenzi Nessun commento

esistere chiaramente – fernando pessoa

arno rafael minkkinen

arno rafael minkkinen

lodato sia Dio perché non sono buono,
e ho l’egoismo naturale dei fiori
e dei fiumi che seguono il loro corso
inconsapevolmente preoccupati
soltanto del fiorire e dello scorrere.
questa è l’unica missione nel mondo,
questa: esistere chiaramente,
e saperlo fare senza pensarci.

Tags: ,

martedì 19 luglio, 2011 12:30:20 respirare Nessun commento

costretto a essere me – valerio magrelli

arno rafael minkkinen

arno rafael minkkinen

mia debolezza, debolezza mia,
ma che devo fare con te?
ho cinquant’anni e tremo
quando tuona, e sbaglio ancora posto
come quando sbagliai banco all’asilo.
ho un corpo trapunto da graffe,
il sonno come un campo di macerie,
la forza che si sbriciola, la memoria in frantumi,
e in questo grande sfascio l’unica intatta resti tu,
mia ferita, mio graal, codice a barre
di un estraneo che e’ leso,
che e’ fallato, che e’ costretto
a essere me. ...>>

Tags: ,

giovedì 3 marzo, 2011 17:48:27 angeli feriti qualunque 1 commento

mentalità da bottegaio – simona vinci

arno rafael minkkinen

arno rafael minkkinen

tutti quanti passiamo il tempo a tenere un registro con le entrate e le uscite e non siamo mai soddisfatti, ci sentiamo sempre in credito: io ti ho dato questo, tu non mi hai dato l’altro, io per te ho fatto questo, tu non hai fatto niente, se tu mi amassi, faresti-saresti-dovresti. e’ questo che ho sempre odiato – senza peraltro riuscire a sottrarmene – dell’amore: la sua mentalità da bottegaio

ordinabile presso

Tags: ,

domenica 20 febbraio, 2011 9:34:15 visioni Nessun commento

non ce la fai e devi farcela per forza – david foster wallace

arno rafael minkkinen

arno rafael minkkinen

sentire che non ce la fai e devi farcela per forza, in una cella. una gabbia del penitenziario di revere per 92 giorni. sentire il dolore di ogni secondo che passava. vivere un secondo alla volta. suddividere il tempo in tante micro-unità. l’astinenza. ogni secondo: si ricordava: il pensiero di sentirsi come si sentiva in questo secondo per altri 60 di questi secondi – non poteva farcela. non poteva farcela. doveva costruire un muro intorno a ogni secondo per sopportarlo… poteva accovacciarsi nello spazio tra due battiti del cuore e fare di ogni battito un muro e vivere là dentro. non permettere alla sua testa di guardare sopra il muro.

ordinabile presso

Tags: ,

domenica 9 gennaio, 2011 15:29:39 angeli feriti qualunque Nessun commento

l’unica preghiera – michele mari

arno rafael minkkinen

arno rafael minkkinen

tu non ricordi
ma in un tempo
così lontano che non sembra stato
ci siamo dondolati
su un’altalena sola ...>>

Tags: ,

venerdì 5 novembre, 2010 14:44:19 angeli feriti qualunque Nessun commento

quel vuoto che attanaglia – amelie nothomb

arno rafael minkkinen

arno rafael minkkinen

era indubbio, quella gente non sognava il cibo. perché? perché non aveva fame. non aveva mai avuto fame. la mia fame non è da intendersi nel senso più ampio: se fosse stata solo fame di alimenti, forse non sarebbe stata così grave. ma esiste una fame che è solo di cibo? esiste una fame del ventre che non sia indizio di una fame più generalizzata? per fame, intendo quel buco spaventoso di tutto l’essere, quel vuoto che attanaglia, quell’aspirazione non tanto all’utopica pienezza quanto alla semplice realtà: là dove non c’è niente, imploro che vi sia qualcosa.

ordinabile presso

Tags: ,

lunedì 20 settembre, 2010 19:23:59 angeli feriti qualunque Nessun commento

ciò che non muta io canto – mariangela gualtieri

arno rafael minkkinen

arno rafael minkkinen

ciò che non muta
io canto
la nuvola la cima il gambo
l’offerta il dono la rovina
apparente d’acqua che tracima
di tempesta e di onde.

io canto il semplice del grano
e del pane la stessa festa che si tiene
fra le rose a maggio, la corsa
della rondine e il coraggio
dell’animale nella tana
quando gli esce il nato fra le zampe ...>>

Tags: ,

venerdì 9 luglio, 2010 13:31:36 respirare Nessun commento

troppo tardi, ma capisco – philip roth

arno rafael minkkinen - the repenting serpent

arno rafael minkkinen - the repenting serpent

- lo capisco -. troppo tardi, ma capisco. e’ un miracolo, se non moriamo tutti per questo nostro capire sempre troppo tardi. ma in effetti moriamo di quello, di quello soltanto.

ordinabile presso

Tags: ,

giovedì 24 giugno, 2010 15:37:44 angeli feriti qualunque Nessun commento

verso un porto che non sapevamo esistere – olav h. hauge

arno rafael minkkinen

arno rafael minkkinen

il sogno è quel sogno che portiamo dentro
che succeda un miracolo
che debba succedere
che il tempo si apra
che i cuori si aprano
che le porte si aprano
che la montagna si apra
che le sorgenti  sgorghino
che il sogno si avveri
che una mattina planeremo
verso un porto che non sapevamo esistere.

ordinabile presso

Tags: ,

mercoledì 23 giugno, 2010 19:58:44 respirare Nessun commento

the force that drives the water through the rocks – dylan thomas

arno rafael minkkinen

arno rafael minkkinen

the force that through the green fuse drives the flower
drives my green age; that blasts the roots of trees
is my destroyer.
and i am dumb to tell the crooked rose
my youth is bent by the same wintry fever.

the force that drives the water through the rocks
drives my red blood; ...>>

Tags: ,

giovedì 20 maggio, 2010 21:45:53 visioni Nessun commento

col cuore penso – nadia fusini

arno raphael minkkinen

arno rafael minkkinen

ma se smetto, a cosa penserò? al mio vuoto? e’ perchè si è vuoti che ci si lascia invadere? e’ il vuoto in cui si galleggia che ci annega? siamo vuoti, tutti vuoti…o sono io, io sola, a non possedere nulla? io sola a provare la sottile, inestirpabile, vorace sensazione che la vita non sia mai quella che vivo, ma sempre un’altra? e’ strano, ma non ho mai avuto la forza di illudermi di essere qualcosa…la mia forza è un’altra, ambigua, intrisa di orgoglio e di vergogna. si nutre di coraggio, si affama di paura. conta sul cuore, per me è questo l’organo dell’intelligenza. col cuore penso. ...>>

Tags: ,

mercoledì 28 aprile, 2010 19:31:03 angeli feriti qualunque 2 commenti

l’acqua, alla pietra, dice qualcosa? – guido ceronetti

arno rafael minkkinnen

arno rafael minkkinnen

in coro con me cantate:
sapere, nulla sappiamo.
arcano, il mare da cui veniamo.
ignoto il mare in cui finiremo.
posto tra i due misteri
e’ il grave enigma: tre
casse che chiuse una perduta chiave.
la luce nulla illumina,
il sapiente nulla insegna.
la parola dice qualcosa?
l’acqua, alla pietra, dice qualcosa?

da proverbios y cantares di antonio machado, traduzione poetica di guido ceronetti

ordinabile presso

Tags: , ,

domenica 11 aprile, 2010 16:01:57 silenzi Nessun commento

c’è un libro che parla proprio di questo – philip roth

arno rafael minkkinen

arno rafael minkkinen

- forse dovresti scrivere.
- invece tu dovresti piantarla di leggere tutto ciò che è stato scritto.
- e cosa dovrei fare nel tempo libero?
- immergerti nella vita vera.
- c’è un libro che parla proprio di questo, sai.

ordinabile presso

Tags: ,

martedì 6 aprile, 2010 19:10:08 angeli feriti qualunque 1 commento

non combatto mai – josephine hart

arno rafael minkkinen

arno rafael minkkinen

le persone danneggiate sono pericolose. sanno di poter sopravvivere. ...>>

Tags: ,

martedì 16 febbraio, 2010 11:05:36 silenzi Nessun commento

in silenzio – antonia pozzi

arno rafael minkkinen

arno rafael minkkinen

ho tanta fede in te. mi sembra
che saprei aspettare la tua voce
in silenzio, ...>>

Tags: ,

domenica 7 febbraio, 2010 12:38:18 silenzi Nessun commento

in me per sempre – cristina campo

arno rafael minkkinen

arno rafael minkkinen

se qualche volta scrivo è perché ...>>

Tags: ,

giovedì 4 febbraio, 2010 23:27:33 silenzi Nessun commento

con il dito sul labbro – henrik nordbrandt

arno rafael minkkinen

arno rafael minkkinen

quando ti vidi in sogno
ti voltasti verso di me ...>>

Tags: ,

lunedì 1 febbraio, 2010 23:52:07 angeli feriti qualunque Nessun commento

sei tutti i luoghi in cui non sono stato – henrik nordbrandt

arno rafael minkkinen

arno rafael minkkinen

tu sei il mio amore e la mia disperazione.

...>>

Tags: ,

domenica 24 gennaio, 2010 21:57:07 angeli feriti qualunque Nessun commento

incarichi – viktor sklovskij

arno rafael minkkinen

arno rafael minkkinen

mi hai dato due incarichi.
1) non telefonarti. ...>>

Tags: ,

martedì 12 gennaio, 2010 22:15:27 angeli feriti qualunque Nessun commento

qualcosa di vitale e spaventoso – simona vinci

arno rafael minkkinen - foster's pond

arno rafael minkkinen - foster's pond

le ho scritto una lettera.
mi è sempre piaciuto scrivere lettere. le parole sono un corteggiamento violento. entrano dentro la carne di chi legge. le parole scritte fanno paura. ...>>

Tags: ,

domenica 3 gennaio, 2010 17:23:01 respirare Nessun commento

non aspettare niente – cesare pavese

arno rafael minkkinen - helsinki

arno rafael minkkinen - helsinki

aspettare è ancora un’occupazione. ...>>

Tags: ,

sabato 2 gennaio, 2010 23:46:50 angeli feriti qualunque Nessun commento

sempre questa sensazione di inquietudine – gioconda belli

arno rafael minkkinen - rebirth

arno rafael minkkinen - rebirth

sempre questa sensazione di inquietudine
di attesa d’altro.
oggi sono le farfalle e domani sarà la
tristezza inspiegabile,
la noia o l’ansia sfrenata ...>>

Tags: ,

mercoledì 23 dicembre, 2009 13:38:11 respirare Nessun commento

il nostro amore è come bisanzio – henrik nordbrandt

arno rafael minkkinen - bird of lianzhou

il nostro amore è come bisanzio

deve essere stata
l’ultima sera. deve esserci stato
immagino
un riflesso sui visi

...>>

Tags: ,

venerdì 11 dicembre, 2009 21:23:19 visioni Nessun commento