dei folli che rispetti / degli ingenui in cui credi – paul eluard

mark rothko

mark rothko

abbiamo passato la notte ti tengo la mano io veglio
ti sostengo con tutte le mie forze
incido su una pietra la stella delle tue forze
solchi profondi dove scaturirà la bontà del tuo corpo
ascolto in me la tua intima voce la tua voce per gli altri
e rido ancora di quell’orgogliosa che tratti
come una mendicante
dei folli che rispetti degli ingenui in cui credi ...>>

Tags: ,

giovedì 14 febbraio, 2013 10:32:10 respirare Nessun commento

ali che coprono il mondo di luce – paul eluard

warren langley

warren langley

la curva dei tuoi occhi intorno al cuore
ruota un moto di danza e di dolcezza,
aureola di tempo, arca notturna e sicura
e se non so più quello che ho vissuto
è perchè non sempre i tuoi occhi mi hanno visto.

foglie di luce e spuma di rugiada
canne del vento, risa profumate,
ali che coprono il mondo di luce, ...>>

Tags: ,

giovedì 14 febbraio, 2013 10:26:16 respirare Nessun commento

come una nuvola sulle onde – virginia woolf

vilhelm hammershoi

vilhelm hammershoi

la vita, insomma, è molto solida o molto instabile?  sono ossessionata da questa contraddizione. dura da sempre, durerà sempre, ...>>

Tags: ,

mercoledì 13 febbraio, 2013 20:40:35 silenzi Nessun commento

essere viva fino allo scortico – mariangela gualtieri

edgar degas

edgar degas

volevo tutte le sbandate
essere viva fino allo scortico
essere tavolo pietra bestiale essere
bucare la vita coi morsi
infilare le mani in suo pulsare
di vita scavare la vita scrostarla
sfondarla spericolarla battermi con lei fino
ai suoi sigilli.
per amore- per amore- tutto per amore

mariangela gualtieri, chioma, in fare ponte (la musica del diavolo),
testo dell’omonimo spettacolo di teatro valdoca, cesena, 2003

Tags: ,

martedì 22 gennaio, 2013 16:02:21 angeli feriti qualunque Nessun commento

un presentimento d’amore – dino buzzati

andy goldsworthy

andy goldsworthy

tutto ciò che ci affascina nel mondo inanimato, i boschi, le pianure, i fiumi, le montagne, i mari, le valli, le steppe, di più, di più, le città, i palazzi, le pietre, di più, il cielo, i tramonti, le tempeste, di più, la neve, di più, la notte, le stelle, il vento, tutte queste cose, di per sé vuote e indifferenti, si caricano di significato umano perché, senza che noi lo sospettiamo, contengono un presentimento d’amore

ordinabile presso

Tags: ,

lunedì 14 gennaio, 2013 20:26:55 respirare Nessun commento

come fosse un corteo – mario benedetti

jan van huysum

jan van huysum

ho una solitudine
così affollata
così piena di nostalgie
e di volti di te
di congedi passati
e baci benvenuti
alla prima occasione
e in ultimo termine

 

ho una solitudine
così affollata
che posso organizzarla
come fosse un corteo ...>>

Tags: ,

lunedì 14 gennaio, 2013 18:00:13 angeli feriti qualunque Nessun commento

l’occhio della necessità – james hillman

kitagawa utamaro

kitagawa utamaro

a questo punto, diventa straordinariamente facile comprendere la nostra vita: comunque siamo, non potevamo essere altrimenti. niente rimpianti, niente strade sbagliate, niente veri errori. l’occhio della necessità svela che ciò che facciamo è soltanto ciò che poteva essere.

ordinabile presso

Tags: ,

lunedì 14 gennaio, 2013 17:47:37 respirare Nessun commento

questa cospirazione dell’invisibilità – alejandra pizarnik

liu bolin

liu bolin

in questa notte in questo mondo
le parole del sogno dell’infanzia della morta
non è mai questo ciò che uno vuole dire
la lingua natale castra
la lingua è un organo di conoscenza
del fallimento di ogni poema
castrato dalla sua stessa lingua
che è l’organo della ri-creazione
del ri-conoscimento
ma non quello della ri-surrezione ...>>

Tags: ,

lunedì 7 gennaio, 2013 19:15:13 silenzi Nessun commento

al sussulto del sangue – cesare pavese

anish kapoor

anish kapoor

c’è un giardino chiaro, fra mura basse,
di erba secca e di luce, che cuoce adagio
la sua terra. è una luce che sa di mare.
tu respiri quell’erba. tocchi i capelli
e ne scuoti il ricordo.

ho veduto cadere
molti frutti, dolci, su un’erba che so,
con un tonfo. così trasalisci tu pure
al sussulto del sangue. ...>>

Tags: ,

venerdì 4 gennaio, 2013 11:27:23 silenzi Nessun commento

sarebbe la grazia – anna maria carpi

anish kapoor

anish kapoor

il mio cuore ha l’accesso stretto
il sangue non ci passa facilmente
o rigurgita o rimane dentro,
così gli altri non sanno
che passione ho per loro ...>>

Tags: ,

venerdì 4 gennaio, 2013 11:06:11 visioni Nessun commento

creature già nate nel cuore – antonia pozzi

rembrandt

rembrandt

io credo questo:
che non si possa cambiar nome,
cambiar volto
alle creature già nate
nel cuore

ordinabile presso

Tags: ,

mercoledì 2 gennaio, 2013 17:19:02 respirare Nessun commento

il crocevia di liberi venti – margherita guidacci

ancient egypt

ancient egypt

il dolore
era piombo e pietra e mi chiudeva in me stessa
ogni giorno in una nuova cerchia di mura
un nuovo giro di catene. ma la gioia
mi dilata ora dal centro del cuore
fino agli orli vibranti del mio essere,
leggera come un fiore che apre i suoi petali al mattino
no, più leggera.
io sono spazio e luce
sono il crocevia di liberi venti

ordinabile presso

Tags:

martedì 1 gennaio, 2013 16:33:10 respirare Nessun commento

fine d’anno – jorge luis borges

pieter bruegel il vecchio

pieter bruegel il vecchio

né la minuzia simbolica
di sostituire un tre con un due
né quella metafora inutile
che convoca un attimo che muore e un altro che sorge
né il compimento di un processo astronomico
sconcertano e scavano
l’altopiano di questa notte
e ci obbligano ad attendere
i dodici e irreparabili rintocchi. ...>>

Tags: ,

lunedì 31 dicembre, 2012 9:12:32 respirare Nessun commento

di utopie e apocalissi – anna maria carpi

gustave courbet

gustave courbet

dicono tutti:
“ah, la voluttà del proibito!”
io non capisco.
io non ho mai cercato che il permesso,
le porte aperte,
le stanze calde,
e come arrivare alla sala del trono.

io sempre in prima fila
quando c’è da sperare, ...>>

Tags: ,

mercoledì 26 dicembre, 2012 12:03:22 angeli feriti qualunque Nessun commento

la certezza della mia fragilità – josé saramago

andrea del verrocchio

andrea del verrocchio

duro? no. sono fragile, mi creda. ed è la certezza della mia fragilità che mi porta a sottrarmi ai legami. se mi abbandono, se mi lascio catturare, sono perduto

ordinabile presso

Tags: ,

lunedì 24 dicembre, 2012 12:21:28 silenzi Nessun commento

nel punto d’incontro – haruki murakami

andrew wyeth

andrew wyeth

sentiva un dolore acuto al petto, ma a essere precisi non era nemmeno un dolore. era lo sbalzo di pressione che si produceva nel punto d’incontro tra la privazione e l’appagamento

ordinabile presso

Tags: ,

domenica 23 dicembre, 2012 17:33:42 visioni Nessun commento

una sete sconosciuta – juan vicente piqueras

jean-leon gerome

jean-leon gerome

io serbo nel luogo del cuore,
come un clessidra,
il sussurro prefissato del sangue,
la mia perdizione, la mia infanzia affondata,
la sorgente di una sete sconosciuta

ordinabile presso

Tags: ,

domenica 23 dicembre, 2012 13:54:53 angeli feriti qualunque Nessun commento

continuo a credere – gioconda belli

vasilij kandinsky

vasilij kandinsky

non appassiscono i baci
come i fiori dell’albero di fuoco,
né mi crescono baccelli sulle braccia;
ma sempre rifiorisco
con questa pioggia interna,
come i cortili verdi di maggio
e rido perché amo il vento e le nuvole
e il passo degli uccelli canori,
e sebbene io resti impigliata nella rete dei ricordi,
coperta d’edera come le antiche muraglie, ...>>

Tags: ,

sabato 15 dicembre, 2012 11:34:56 respirare Nessun commento

altrove – cesare pavese

michael kenna

michael kenna

ma vivi altrove.
il tuo tenero sangue si è fatto altrove.
le parole che dici non hanno riscontro
con la scabra tristezza di questo cielo.
tu non sei che una nube dolcissima, bianca
impigliata una notte fra i rami antichi

ordinabile presso

Tags: ,

venerdì 14 dicembre, 2012 19:31:57 silenzi Nessun commento

per boris

odilon redon

odilon redon

non sono più silenziosi gli specchi
né più furtiva l’alba avventuriera;
sei, sotto la luna, quella pantera
che a noi ci è dato percepire da lontano.
per opera indecifrabile di un decreto
divino ti cerchiamo invano;
più remoto del gange e del ponente
tua è la solitudine, tuo il segreto. ...>>

Tags: ,

giovedì 13 dicembre, 2012 20:12:03 silenzi Nessun commento

nero tempesta, viola – virginia woolf

francis bacon

francis bacon

ma d’altra parte, mentre voi siete così diversi e cambiate mille volte a seconda delle idee e delle risate degli altri, io invece resterò sempre cupa, nero tempesta, viola

ordinabile presso

Tags: ,

martedì 11 dicembre, 2012 19:56:54 angeli feriti qualunque Nessun commento

inseguire la verticalità – cormac mccarthy

anish kapoor

anish kapoor

l’oscurità in cui si svegliava in quelle notti era cieca e impenetrabile.
un’oscurità che faceva male alle orecchie a forza di ascoltare.
spesso non poteva fare a meno di alzarsi. non un suono oltre al vento fra gli alberi nudi e anneriti.
si alzò in piedi e rimase lì, vacillante in quel buio freddo e autistico, le braccia tese per mantenersi in equilibrio mentre calcoli vestibolari in corso nel suo cervello sfornavano risultati.
una vecchia storia. inseguire la verticalità.
non c’è caduta che non vada per gradi. ...>>

Tags: ,

domenica 9 dicembre, 2012 18:24:59 visioni Nessun commento

il chi il come il dove e a quale scopo – wisława szymborska

leonardo da vinci

leonardo da vinci

c’è chi meglio degli altri realizza la sua vita.
è tutto in ordine dentro e attorno a lui.
per ogni cosa ha metodi e risposte.

è lesto a indovinare il chi il come il dove
e a quale scopo.

appone il timbro a verità assolute,
getta i fatti superflui nel tritadocumenti,
e le persone ignote
dentro appositi schedari. ...>>

Tags: ,

sabato 8 dicembre, 2012 21:00:59 funambolismi Nessun commento

un giardino segreto – alejandro jodorowsky

maurizio nicosia

maurizio nicosia

non dire tutto ciò che sai; non credere a tutto ciò che ascolti; non fare tutto ciò che puoi. mantieni dentro di te un giardino segreto.

ordinabile presso

Tags: ,

giovedì 29 novembre, 2012 10:37:11 silenzi 1 commento

per pura diplomazia – gesualdo bufalino

giuseppe de nittis

giuseppe de nittis

vi sono suicidi invisibili.
si rimane in vita per pura diplomazia, si beve, si mangia, si cammina.
gli altri ci cascano sempre ma noi sappiamo, con un riso interno, che si sbagliano, che siamo morti

 

ordinabile presso

Tags: ,

domenica 25 novembre, 2012 19:45:13 angeli feriti qualunque Nessun commento

la storia di padre sergio, i suoi 59.000 libri e la biblioteca più alta d’europa

nella magnifica valle maira, in provincia di cuneo, c’è la biblioteca più alta d’europa, a 1.580 metri di quota. l’ha creata padre sergio de piccoli, un monaco benedettino ed eremita che vive lì da trent’anni e che ha raccolto e conservato nelle cantine della canonica di Marmora, oltre 59.000 volumi.

padre sergio de piccoli

padre sergio de piccoli

ma c’e’ un ma. nel 2007 padre sergio ha donato tutti libri al comune di marmora (cn), in cambio della promessa dell’ampliamento della biblioteca, che è zeppa e quindi ha bisogno di spazio. il sindaco si è impegnato in prima persona per la realizzazione della struttura, ma a tutt’oggi l’ampliamento promesso non c’e': troppa burocrazia e nessun soldo per la realizzazione e la querelle va ormai avanti da anni. a fronte di una promessa non mantenuta, ...>>

Tags:

giovedì 1 novembre, 2012 22:55:37 silenzi Nessun commento

la mia vera patria – italo calvino

andrew wyeth

andrew wyeth

entrai in una fase in cui soltanto gli spiragli di vuoto, le assenze, i silenzi, le lacune, i nessi mancanti, le smagliature nel tessuto del tempo mi parevano racchiudere un senso e un valore. spiavo attraverso quelle brecce il grande regno del non essere, vi riconoscevo la mia vera patria, che rimpiangevo d’aver tradito in un temporaneo obnubilamento della coscienza; […] sognavo l’annullamento d’ogni dimensione, d’ogni durata, d’ogni sostanza, d’ogni forma.

ordinabile presso

Tags: ,

mercoledì 10 ottobre, 2012 10:46:39 silenzi Nessun commento

per bottino la vita – erri de luca


non quelli dentro il bunker,
non quelli con le scorte alimentari, nessuno di città,
si salveranno indios, balti, masai,
beduini protetti dal vento, mongoli su cavalli, ...>>

Tags:

domenica 7 ottobre, 2012 11:21:42 respirare Nessun commento

che triste sbaglio – dino buzzati

vincent van gogh

vincent van gogh

che triste sbaglio, pensò drogo, forse tutto è così, crediamo che attorno ci siano creature simili a noi e invece non c’è che gelo, pietre che parlano una lingua straniera, stiamo per salutare l’amico ma il braccio ricade inerte, il sorriso si spegne, perché ci accorgiamo di essere completamente soli

ordinabile presso

Tags: ,

giovedì 20 settembre, 2012 21:56:10 angeli feriti qualunque Nessun commento

noi siamo i vinti – pier vittorio tondelli

egon schiele

egon schiele

noi siamo i vinti.
noi che non sappiamo amare e viviamo di sogni
e il tempo dell’illusione svanisce
lasciandoci tentennanti del nostro dolore.
noi che affidiamo ogni nostra decisione
al bizzarro rotolare di una moneta
incapaci di ergerci.
noi siamo i vinti
che ci crogioliamo nella nostra malinconia
e ci inebriamo di dolcezze struggenti, ...>>

Tags: ,

sabato 15 settembre, 2012 23:37:50 angeli feriti qualunque Nessun commento

vivi nell’inesauribile – georges perec

egon schiele

egon schiele

l’indifferenza non ha inizio né fine: è uno stato immutabile, un peso, un’inerzia che nulla potrebbe far vacillare. forse ancora pervengono ai tuoi centri nervosi messaggi del mondo esterno, però nessun genere di risposta globale, tale da coinvolgere la totalità dell’organismo, sembra potersi elaborare. permangono solo i riflessi elementari: quando il semaforo è rosso non attraversi, ti ripari dal vento per accenderti una sigaretta, nelle mattine d’inverno ti copri di più, ti cambi la polo, le calze, le mutande e il maglione una volta alla settimana, le lenzuola un po’ meno di due volte al mese.

l’indifferenza dissolve il linguaggio, imbroglia i segni. sei paziente e non aspetti, sei libero e non scegli, sei disponibile e niente ti mobilita. non chiedi niente, non esigi niente, non imponi niente. senti senza mai ascoltare, ...>>

Tags: ,

mercoledì 5 settembre, 2012 23:04:03 silenzi Nessun commento

aveva avuto torto – jonathan franzen

katharina gaenssler

katharina gaenssler

aveva avuto torto […] a essere così negativo e pessimista, torto a fuggire dalla vita, torto ad aver continuato a dire no invece che sì

 

ordinabile presso

Tags: ,

mercoledì 5 settembre, 2012 22:46:54 visioni Nessun commento