un’indipendenza rude e illimitata – josé saramago

francesca woodman

francesca woodman

rimango sempre di stucco davanti alla libertà delle donne. noi le vediamo come esseri subalterni, ci divertiamo alle loro futilità, le cambiamo quando ormai sono sciupate, e ognuna di loro è capace di coglierci alla sprovvista, stendendoci davanti vastissimi campi di libertà, come se sotto alla loro obbedienza, un’obbedienza che sembra cercare se stessa, costruissero le mura di un’indipendenza rude e illimitata.

ordinabile presso

Tags: ,

domenica 14 marzo, 2010 17:55:16 silenzi

Leave a Reply