respirare

di tutte le nostre parole – fabio palombo

fabio palombo

fabio palombo

[...] cosa ne sanno, gli altri, di quello che siamo, se qualche volta non lo sappiamo neanche noi. della fatica, della bellezza, di tutte le nostre parole. e dei silenzi, quei silenzi che ogni volta sono diversi, e non ce ne sono due uguali. cosa ne sanno di come ci siamo raccolti, un giorno, che eravamo all’angolo della vita, ...>>

Tags:

domenica 25 maggio, 2014 12:44:57 respirare Nessun commento

la porta senza chiave – czeslaw milosz

gerhard richter

gerhard richter

l’utilità della poesia sta nel ricordare
quanto sia difficile restare la stessa persona ...>>

Tags: ,

domenica 25 maggio, 2014 12:07:50 respirare Nessun commento

le foreste dei nostri giorni rinnoveranno le foglie – adonis

henri matisse

henri matisse

certo (questa è una parola che non ho detto – è dettata da lei)
certo, quando ci incontreremo
le foreste dei nostri giorni rinnoveranno le foglie, ...>>

Tags: ,

martedì 2 luglio, 2013 8:58:39 respirare Nessun commento

dentro qualcosa balla – valerio magrelli

giulio paolini

giulio paolini

amo i gesti imprecisi,
uno che inciampa, l’altro
che fa urtare il bicchiere,
quello che non ricorda, ...>>

Tags: ,

sabato 25 maggio, 2013 19:58:29 respirare Nessun commento

vorrei trovare un altro – jorge luis borges

Tags:

domenica 28 aprile, 2013 23:23:19 respirare Nessun commento

il giardino è l’anima – james hillman

vincent van gogh

vincent van gogh

il giardino è l’anima [...] noi oggi tendiamo a dimenticare che l’anima non è solo dentro di noi, ma anche fuori di noi. e quando siamo in un giardino, che si tratti di un giardino asiatico o di un giardino alla francese o di qualunque altro tipo di giardino, si manifesta qualcosa dell’anima mundi. l’anima del mondo si rende visibile e, anzi, si mette in mostra. [...] il giardino è la rappresentazione allegorica della nostra psiche. tutto ciò che accade nel giardino suggerisce metafore della nostra vita psichica [...] ...>>

Tags: ,

venerdì 12 aprile, 2013 14:08:12 respirare Nessun commento

il riso gli appare a priori sospetto, sconveniente, «inferiore» – fruttero e lucentini

fruttero e lucentini

fruttero e lucentini

poco interessanti catene di cause e effetti terapeutici, dietetici, sociali, politici, tecnologici spiegano l’esponenziale proliferazione della “bêtise”. figlia del progresso, dell’idea di progresso, essa non poteva che espandersi in tutte le direzioni, contagiare tutte le classi, prendere il sopravvento in tutti i rami dell’umana attività. è stato grazie al progresso che il contenibile «stolto» dell’antichità si è tramutato nel prevalente cretino contemporaneo, personaggio a mortalità bassissima la cui forza è dunque in primo luogo brutalmente numerica; ...>>

Tags:

mercoledì 10 aprile, 2013 18:19:34 respirare Nessun commento

siamo stati fatti di luce – eduardo galeano

bill viola

bill viola

veniamo da un uovo più piccolo di una testa di spillo, e viviamo su una pietra che gira intorno a una stella nana e che, contro questa stella, prima o poi, si scontrerà. tuttavia, siamo stati fatti di luce, ...>>

Tags: ,

mercoledì 10 aprile, 2013 17:51:57 respirare Nessun commento

la primavera era primavera – lev n. tolstoj

andrew wyeth

andrew wyeth

per quanto gli uomini si sforzassero, radunandosi a centinaia di migliaia in un posto piccolo, deturpando quella terra sulla quale si eran stretti, per quanto soffocassero la terra di pietre perché niente, in lei, nascesse, ...>>

Tags: ,

giovedì 28 marzo, 2013 22:46:41 respirare Nessun commento

dei folli che rispetti / degli ingenui in cui credi – paul eluard

mark rothko

mark rothko

abbiamo passato la notte ti tengo la mano io veglio
ti sostengo con tutte le mie forze
incido su una pietra la stella delle tue forze
solchi profondi dove scaturirà la bontà del tuo corpo
ascolto in me la tua intima voce la tua voce per gli altri
e rido ancora di quell’orgogliosa che tratti
come una mendicante
dei folli che rispetti degli ingenui in cui credi ...>>

Tags: ,

giovedì 14 febbraio, 2013 10:32:10 respirare Nessun commento

ali che coprono il mondo di luce – paul eluard

warren langley

warren langley

la curva dei tuoi occhi intorno al cuore
ruota un moto di danza e di dolcezza,
aureola di tempo, arca notturna e sicura
e se non so più quello che ho vissuto
è perchè non sempre i tuoi occhi mi hanno visto.

foglie di luce e spuma di rugiada
canne del vento, risa profumate,
ali che coprono il mondo di luce, ...>>

Tags: ,

giovedì 14 febbraio, 2013 10:26:16 respirare Nessun commento

un presentimento d’amore – dino buzzati

andy goldsworthy

andy goldsworthy

tutto ciò che ci affascina nel mondo inanimato, i boschi, le pianure, i fiumi, le montagne, i mari, le valli, le steppe, di più, di più, le città, i palazzi, le pietre, di più, il cielo, i tramonti, le tempeste, di più, la neve, di più, la notte, le stelle, il vento, tutte queste cose, di per sé vuote e indifferenti, si caricano di significato umano perché, senza che noi lo sospettiamo, contengono un presentimento d’amore

ordinabile presso

Tags: ,

lunedì 14 gennaio, 2013 20:26:55 respirare Nessun commento

l’occhio della necessità – james hillman

kitagawa utamaro

kitagawa utamaro

a questo punto, diventa straordinariamente facile comprendere la nostra vita: comunque siamo, non potevamo essere altrimenti. niente rimpianti, niente strade sbagliate, niente veri errori. l’occhio della necessità svela che ciò che facciamo è soltanto ciò che poteva essere.

ordinabile presso

Tags: ,

lunedì 14 gennaio, 2013 17:47:37 respirare Nessun commento

creature già nate nel cuore – antonia pozzi

rembrandt

rembrandt

io credo questo:
che non si possa cambiar nome,
cambiar volto
alle creature già nate
nel cuore

ordinabile presso

Tags: ,

mercoledì 2 gennaio, 2013 17:19:02 respirare Nessun commento

il crocevia di liberi venti – margherita guidacci

ancient egypt

ancient egypt

il dolore
era piombo e pietra e mi chiudeva in me stessa
ogni giorno in una nuova cerchia di mura
un nuovo giro di catene. ma la gioia
mi dilata ora dal centro del cuore
fino agli orli vibranti del mio essere,
leggera come un fiore che apre i suoi petali al mattino
no, più leggera.
io sono spazio e luce
sono il crocevia di liberi venti

ordinabile presso

Tags:

martedì 1 gennaio, 2013 16:33:10 respirare Nessun commento

fine d’anno – jorge luis borges

pieter bruegel il vecchio

pieter bruegel il vecchio

né la minuzia simbolica
di sostituire un tre con un due
né quella metafora inutile
che convoca un attimo che muore e un altro che sorge
né il compimento di un processo astronomico
sconcertano e scavano
l’altopiano di questa notte
e ci obbligano ad attendere
i dodici e irreparabili rintocchi. ...>>

Tags: ,

lunedì 31 dicembre, 2012 9:12:32 respirare Nessun commento

continuo a credere – gioconda belli

vasilij kandinsky

vasilij kandinsky

non appassiscono i baci
come i fiori dell’albero di fuoco,
né mi crescono baccelli sulle braccia;
ma sempre rifiorisco
con questa pioggia interna,
come i cortili verdi di maggio
e rido perché amo il vento e le nuvole
e il passo degli uccelli canori,
e sebbene io resti impigliata nella rete dei ricordi,
coperta d’edera come le antiche muraglie, ...>>

Tags: ,

sabato 15 dicembre, 2012 11:34:56 respirare Nessun commento

per bottino la vita – erri de luca


non quelli dentro il bunker,
non quelli con le scorte alimentari, nessuno di città,
si salveranno indios, balti, masai,
beduini protetti dal vento, mongoli su cavalli, ...>>

Tags:

domenica 7 ottobre, 2012 11:21:42 respirare Nessun commento

un giardiniere al lavoro – alessandro baricco

ai weiwei

ai weiwei

poiché la disperazione era un eccesso che non gli apparteneva, si chinò su quanto era rimasto della sua vita, e riiniziò a prendersene cura, con l’incrollabile tenacia di un giardiniere al lavoro, il mattino dopo il temporale

 

ordinabile presso

Tags: ,

mercoledì 15 agosto, 2012 21:26:08 respirare Nessun commento

tutto ciò che ha in sé tempo e divenire – henry miller

francesca woodman

francesca woodman

amo tutto ciò che scorre, tutto ciò che ha in sé tempo e divenire, che ci riporta al principio dove non c’è mai fine: la violenza dei profeti, l’oscenità che è estasi, la saggezza del fanatico, il prete con la sua gommosa litania, le parole sozze della puttana, lo sputo portato via nella fogna, il latte della mammella e l’amaro miele che si riversa dall’utero, tutto ciò che è fluido, fuso, dissoluto e dissolvente, tutto il pus e il sudiciume che scorrendo si purifica, che perde il suo senso originario, che fa il grande circuito verso la morte e la dissoluzione. il grande desiderio incestuoso è scorrere all’unisono col tempo, fondere la grande immagine dell’aldilà con quella dell’hic et nunc. un desiderio fatuo, suicida, reso stitico dalle parole e paralizzato dal pensiero.

ordinabile presso

Tags: ,

mercoledì 18 luglio, 2012 13:20:08 respirare Nessun commento

c’è qualcosa nel vento – don delillo

felix vallotton

felix vallotton

c’è qualcosa nel vento. ti spoglia di ogni sicurezza, ti entra dentro, continuo, implacabile, ti fa sentire la fragilità intrinseca di ogni cosa che ti circonda, la fragilità di quanto c’è di solido in centinaia di imprese – esposte, provvisorie, improvvisate

ordinabile presso

Tags: ,

martedì 26 giugno, 2012 20:01:49 respirare Nessun commento

in un sorriso – charles bukowski

mimmo jodice

mimmo jodice

sentiremo il sapore delle isole
e del mare

so che una certa notte
in qualche camera da letto
presto
passerò
le dita
tra
capelli
soffici e puliti ...>>

Tags: ,

venerdì 22 giugno, 2012 17:34:13 respirare Nessun commento

io ero tu, tu eri io – franz kafka

domenico gnoli

domenico gnoli

ieri ho sognato di te. non ricordo quasi più i singoli fatti, so soltanto che di continuo ci trasformavamo l’uno nell’altro, io ero tu, tu eri io

ordinabile presso

Tags: ,

sabato 9 giugno, 2012 12:12:35 respirare Nessun commento

uno stacco d’uccello dal suo ramo – mariangela gualtieri

graziano spinosi

graziano spinosi

sento il tuo disordine
e lo comparo al mio. c’è
somiglianza. c’è lo stesso slabbro
di ferite identiche. c’è tutta la voglia
di un passo largo in una terra
sgombra che non troviamo.
sento il tuo respiro schiacciato
lo sento somigliante
ti sento piano morire
come me che non controllo
l’accensione del sangue. ...>>

Tags: ,

giovedì 7 giugno, 2012 18:10:27 respirare Nessun commento

vie di dialogo – graziano spinosi – ketty tagliatti | rimini 23.06 > 02.09.2012

vie di dialogo
graziano spinosi · ketty tagliatti
a cura di claudia collina e massimo pulini
· 23 giugno – 2 settembre 2012 · rimini · far | fabbrica arte rimini – palazzo dell’arengo | piazza cavour
da martedì a domenica: 16-23 | ingresso libero | per informazioni tel. 0541.704416 / 704421
· inaugurazione: sabato 23 giugno alle ore 18 ·

...>>

Tags: , , ,

martedì 5 giugno, 2012 14:16:30 respirare Nessun commento

scuotile per le ali – pedro salinas

damien hirst

non serbare nulla, spendi,
sperpera allegrie, gioie,
scambiale con aria azzurra
perché vadano volando,
per il cielo, fanne acqua,
riempi i torrenti del mondo
delle sue schiume sprizzanti,
entra in anime assopite,
e scuotile per le ali,
agita, come di grano,
grandi campi di speranze, ...>>

Tags: ,

domenica 27 maggio, 2012 13:14:49 respirare Nessun commento

la camicia bianca – odisseas elitis

francesca woodman

voglio essere sincero come la camicia bianca che porto

ordinabile presso

Tags: ,

sabato 26 maggio, 2012 19:41:39 respirare Nessun commento

la luce aveva un corpo – paul eluard

paul eluard

tu sei venuta il fuoco allora si è ridesto
l’ombra ha ceduto il gelo di quaggiù s’è incrinato
e la terra s’è coperta
della tua chiara carne e mi sono sentito leggero
sei venuta tu era vinta la solitudine
ora avevo una guida sulla terra ora sapevo
dirigermi sapevo me smisurato esistere
avanzavo vincevo più tempo più spazio

andavo verso di te io andavo
senza fine verso la luce
la luce aveva un corpo la speranza
tendeva la sua vela

ordinabile presso

Tags:

sabato 26 maggio, 2012 19:21:05 respirare 1 commento

in un arabesco senza fine – pietro citati

edward hopper

edward hopper

allora il viaggiatore scopre di possedere una forza che credeva di avere smarrito. sale montagne, attraversa deserti, scala sentieri dove soltanto le capre brucano un magrissimo cibo, resta per giorni a contemplare i ricami di una moschea o i cortei scolpiti lungo le scale di un palazzo. non conosce più tempo né spazio; e spera che la linea del suo itinerario si allunghi, si allunghi fino a trasformarsi in un labirinto complicatissimo o in un arabesco senza fine, e non si chiuda più su sé stessa. sebbene i volti amati gli si affaccino vivissimi alla memoria, non vorrebbe tornare. pensa di aver trascurato i luoghi essenziali, sconosciuti a lui stesso e a tutti. sogna altri monumenti, altre chiese, altre rovine, e gli altri paesi che stanno dopo il confine, nei quali forse il viaggio dovrà trovare il suo compimento

ordinabile presso

Tags: , ,

giovedì 10 maggio, 2012 13:02:29 respirare Nessun commento

scappa – amelie nothomb

katsushika hokusai

katsushika hokusai

non c’è tormento che resista all’espansione di sè nell’universo. il mondo sarebbe così grande per niente? la lingua dice una cosa giusta: darsela a gambe vuol dire salvarsi. se stai morendo, scappa. se stai soffrendo, datti una mossa. non esiste altra legge che il movimento.

ordinabile presso

 

Tags: ,

mercoledì 9 maggio, 2012 12:50:37 respirare Nessun commento

aromi di terre lontane – bruno schulz

mimmo jodice

mimmo jodice

quei negozi così nobili, ancora aperti a notte inoltrata, erano sempre stati oggetti di fervidi sogni. fiocamente illuminati, scuri e solenni, i loro interni odoravano intensamente di vernici, lacca, incenso, aromi di terre lontane e merci rare

ordinabile presso

Tags: ,

venerdì 20 aprile, 2012 16:04:22 respirare Nessun commento

ogni volta un po’ meno se stesso – nadia terranova, ofra amit

bruno schulz

bruno schulz

la materia pullulava di vita, bisognava solo stanarla e forgiarla. jakob si mischiava e si impastava con il mondo per guardare tutto con occhi nuovi e diventare ogni volta un po’ meno se stesso

 

ordinabile presso

Tags: , ,

venerdì 20 aprile, 2012 12:34:42 respirare Nessun commento