visioni

preferisce il silenzio – wislawa szymborska

massimo rocchi

massimo rocchi

l’anima la si ha ogni tanto.
nessuno la ha di continuo
e per sempre.

giorno dopo giorno,
anno dopo anno
possono passare senza di lei.

a volte
nidifica un po’ più a lungo
solo in estasi e paure dell’infanzia. ...>>

Tags: ,

venerdì 23 dicembre, 2011 21:11:02 visioni Nessun commento

le crepe – mario benedetti

rodney smith

rodney smith

la verità
è che le crepe
non mancano

così passando
ricordo quelle che
separano i mancini e i destrorsi
i pechinesi e i moscoviti
i presbiti e i miopi
i gendarmi e le prostitute
gli ottimisti e gli astemi
i sacerdoti e i doganieri ...>>

Tags: ,

mercoledì 14 dicembre, 2011 23:35:26 visioni Nessun commento

le coincidenze – milan kundera

massimo rocchi

massimo rocchi

non certo la necessità, bensì il caso è pieno di magia. se l’amore deve essere indimenticabile, fin dal primo istante devono posarsi su di esso le coincidenze

ordinabile presso

Tags: ,

lunedì 12 dicembre, 2011 21:01:47 visioni Nessun commento

naguib mahfouz e quell’idea cubista del cairo – stefano tesi

naguib mahfouz

naguib mahfouz

oggi il nobel per la letteratura del 1988 avrebbe compiuto cent’anni. lo incontrai esattamente un decennio fa, dopo un inseguimento avventuroso. doveva essere un’intervista, fu invece un lungo pellegrinaggio. compiuto, attraverso i suoi occhi, nelle pieghe cangianti della città islamica. questo è ciò che ricordo. e l’articolo che scrissi un mese dopo per gulliver.

il tassista, squinternato proprio come il suo taxi, partì sgassando dal cortile dell’albergo e ammiccando nello specchietto con un idioma improbabile. ovviamente non lo ascoltai, ma non solo perché non capivo una sola parola. insomma, stavo andando a intervistare mahfouz, naguib mahfouz. e riuscire a incontrarlo era stata – anzi, continuava ad essere – un’avventura degna di una spy story.
l’anziano scrittore era protetto da una rete di amici invisibile e labirintica. amici-scherani o scherani-amici, difficile distinguere. una sorta di cortina osmotica, di dedalo imperscrutabile, di gioco dell’oca pieno di trabocchetti, penalità, passaggi a vuoto. quella però sembrava la volta buona. lo scrittore mi aspettava, dicevano, in un non meglio precisato hotel a nord del cairo. dove, mi garantirono, il loro tassista sapeva arrivare perfettamente [continua qui]

Tags: ,

domenica 11 dicembre, 2011 20:18:11 visioni Nessun commento

i trentatré nomi di Dio – marguerite yourcenar

michelangelo buonarroti

michelangelo buonarroti

1. mare al mattino

2. rumore dalla
sorgente nelle
rocce sulle pareti di
pietra

3. vento di mare
a notte
su un’isola ...>>

Tags: ,

giovedì 8 dicembre, 2011 13:39:36 visioni Nessun commento

la velocità della luce – jean baudrillard

andré kertèsz

andré kertèsz

la velocità della luce protegge la realtà delle cose, infatti ci garantisce la contemporaneità delle immagini che ne riceviamo. tutta la verosimiglianza di un universo causale verrebbe meno con un cambiamento sensibile di questa velocità. tutte le cose interferirebbero in un disordine completo. tant’è vero che questa velocità è il nostro punto di riferimento, il nostro Dio, e sta per noi come un assoluto. se la luce cade in velocità relative, niente più trascendenza, niente più Dio per riconoscere ciò che ci attiene, l’universo cade nell’indeterminazione.
è quel che si produce oggi, quando, con i media elettronici, l’informazione comincia a circolare dappertutto alla stessa velocità della luce. non c’è più un assoluto a cui commisurare il resto. ma dietro a questa accelerazione qualcosa comincia a rallentare in modo assoluto. siamo forse noi che cominciamo a rallentare assolutamente.
e se la luce rallentasse fino a scendere a velocità “umane”? se ci bagnasse con un flusso di immagini rallentato, fino a diventare più lenta di noi? ...>>

Tags: ,

giovedì 1 dicembre, 2011 16:23:13 visioni Nessun commento

alla ricerca – giorgio manganelli

maurizio nicosia

maurizio nicosia

fin dall’infanzia ho amato le nozioni peregrine e inutili, prediletto gli animali sconfitti, le razze prossime all’estinzione, i paesi minuscoli, illustri solo per il cromatismo chiassoso dei francobolli, e i vessilli sgargianti; le tribù legate a rituali inintellegibili, le lingue laboriose, intricate, e parlate da pochi e selvatici montanari, chiusi tra gole inaccessibili, nutriti di licheni, di aspro latte caprino, oltre il limite impervio degli abeti; ho indugiato a rintracciare le vicende di minuscole sette, sterminate dall’onesta ferocia degli ortodossi; ho fantasticato le vite e le vicende di imperatori noti solo per una moneta, un sesterzo dei pochi che gli riuscì a far coniare, fra la loro fantastica elezione al soglio, e la loro precipitosa, forse violenta e disgustosa morte. in breve: un che di inutile mi pare necessario alla ricerca di cosa che sia degna di amore

ordinabile presso

Tags: ,

martedì 29 novembre, 2011 20:48:55 visioni Nessun commento

nella bruma delle stazioni – oscar vladislas de lubicz-milosz

massimo rocchi

massimo rocchi

riconosco in te esseri misteriosi,
viaggiatori delle mete segrete
incontrati un tempo nella bruma delle stazioni,
dove tutti i rumori hanno la cadenza degli addii.
sì riconosco in te tutto questo.
riconosco terre lontane e struggimenti vicini,
segreti che non mi racconterai mai;
è l’indicibile, antica malinconia dei binari,
quando non si sa se è peggio essere
tra chi rimane e chi parte

ordinabile presso

Tags: ,

martedì 8 novembre, 2011 15:45:20 visioni Nessun commento

io guardo, tu fiorisci – patrizia cavalli

robert mapplethorpe

robert mapplethorpe

bene, vediamo un po’ come fiorisci,
come ti apri, di che colore hai i petali,
quanti pistilli hai, che trucchi usi
per spargere il tuo polline e ripeterti,
se hai fioritura languida o violenta,
che portamento prendi, dove inclini,
se nel morire infradici o insecchisci,
avanti, su, io guardo, tu fiorisci

ordinabile presso

Tags: ,

domenica 6 novembre, 2011 12:13:47 visioni Nessun commento

se ne vanno e basta – alessandro nervini

luigi ghirri

luigi ghirri

ecco come finiscono le cose belle. senza colonna sonora. senza titoli di coda. se ne vanno e basta

acquistabile qui

Tags: ,

mercoledì 2 novembre, 2011 21:31:32 visioni Nessun commento

volano nell’aria – marc chagall

marc chagall

marc chagall

la mia anima è la mia patria.
vi posso entrare senza passaporto e mi sento a casa.
questa casa accoglie la mia tristezza
e la mia solitudine, e non ha altre case intorno:
furono distrutte durante la mia infanzia,
i loro inquilini ora volano nell’aria
vivono nella mia anima

ordinabile presso

Tags:

domenica 30 ottobre, 2011 19:57:11 visioni Nessun commento

un’estasi per interposta persona – muriel barbery

andré kertész

andré kertész

non è molto difficile da capire: tutte queste cose che passano, che ci sfuggono per un’inezia e che perdiamo per l’eternità… tutte le parole che avremmo dovuto dire, i gesti che avremmo dovuto fare, i kairòs folgoranti che un giorno sono apparsi ma che non abbiamo saputo cogliere, e che sono sprofondati per sempre nel nulla… lo smacco appena un pelo più in là… ma soprattutto mi è venuta un’altra idea, per via dei neuroni specchio. un’idea inquietante, a dire il vero, forse vagamente proustiana. e se la letteratura fosse una televisione ...>>

Tags: ,

domenica 30 ottobre, 2011 19:44:08 visioni Nessun commento

il primo dei tuoi prestiti – eugenio montale

museo fratelli alinari

museo fratelli alinari

l’alluvione ha sommerso il pack dei mobili,
delle carte, dei quadri che stipavano
un sotterraneo chiuso a doppio lucchetto.
forse hanno ciecamente lottato i marocchini
rossi, le sterminate dediche di bu bos,
il timbro a ceralacca con la faccia di ezra,
il valèry di alain, l’originale
dei canti orfici – e poi qualche pennello
da barba, mille cianfrusaglie e tutte
le musiche di tuo fratello silvio. ...>>

Tags:

domenica 30 ottobre, 2011 9:04:27 visioni Nessun commento

come le piante – alvaro mutis

graziano spinosi

graziano spinosi

la donna, come le piante, come le tempeste nelle selve, come il fragore delle acque, si nutre dei più oscuri disegni celesti

ordinabile presso

Tags: ,

domenica 23 ottobre, 2011 10:47:00 visioni Nessun commento

luce vibrante – juan ramon jimenez

caravaggio

luce verticale,
luce tu;
alta luce tu,
luce oro;
luce vibrante,
luce tu.
e io la nera, cieca, sorda, muta ombra orizzontale

ordinabile presso

Tags: ,

domenica 23 ottobre, 2011 10:01:58 visioni Nessun commento

tutti – david foster wallace

mimmo jodice

mimmo jodice

tutti sono identici nella segreta tacita convinzione di essere, in fondo, diversi dagli altri

ordinabile presso

Tags: ,

venerdì 21 ottobre, 2011 14:56:55 visioni Nessun commento

mescola fuoco e cenere – piero bigongiari

maurizio nicosia

maurizio nicosia

è l’istante che è eterno: non ha fine
che fuori di sé; esplode nel suo interno
il segno, il sogno, di ciò che non è
il tempo, la cui aureola già si attenua.
il vento che s’è fatto impetuoso
mescola fuoco e cenere, intriga
nel suo più ingeneroso antiattimo
il suo ormai impossibile riposo.
sono qui, tu gli gridi, sono qui,
i nidi sono pieni degli implumi
che attendono le ali tra i barlumi
della tempesta. ...>>

Tags: ,

lunedì 17 ottobre, 2011 12:57:59 visioni Nessun commento

come forare il muro – gilles deleuze

ferdinando scianna

ferdinando scianna

… è questo che mi sembra interessante nelle vite, i buchi che comportano, le lacune, talvolta drammatiche, talvolta no. le catalessi o quelle specie di sonnambulismo di più anni, che la maggior parte delle vite possiedono. forse è in questi buchi che avviene il movimento. la questione infatti è proprio quella di come produrre il movimento, come forare il muro.

ordinabile presso

Tags: ,

domenica 16 ottobre, 2011 11:43:58 visioni Nessun commento

l’attimo perfetto – pier vittorio tondelli

arno rafael mikkinen

arno rafael mikkinen

io racconto tutto questo per dirvi come molto spesso non siamo affatto noi a scegliere le nostre letture, i nostri dischi o i nostri amori, ma sono gli accadimenti stessi che vengono a noi in un particolare momento, e quello sarà l’attimo perfetto, facilissimo e inevitabile: sentiremo un richiamo e non potremo far altro che obbedire. troppe volte mi capita di rabbuiarmi proprio perché smarrisco questa consapevolezza un po’ orientale che non sia io a cercare le cose, le situazioni, gli amori, ma sono gli eventi – al tempo opportuno – ad arrivare da me

ordinabile presso

Tags: ,

giovedì 13 ottobre, 2011 15:14:06 visioni Nessun commento

la vera bellezza – amelie nothomb

raffaello

raffaello

la vera bellezza deve lasciare insoddisfatti: deve lasciare all’anima una parte del suo desiderio

ordinabile presso

Tags: ,

lunedì 10 ottobre, 2011 0:01:34 visioni Nessun commento

come gli scattatori d’istantanee – italo calvino

michael kenna

michael kenna

quell’espressione quell’accento quel segreto che gli sembrava d’esser lì lì per cogliere sul viso di lei era qualcosa che lo trascinava nelle sabbie mobili degli stati d’animo, degli umori, della psicologia: era anche lui uno di quelli che inseguono la vita che sfugge, un cacciatore dell’inafferrabile, come gli scattatori d’istantanee.

ordinabile presso

Tags: ,

domenica 9 ottobre, 2011 23:55:27 visioni Nessun commento

l’ateismo non esiste – david foster wallace

luigi ghirri

luigi ghirri

ecco un’altra cosa vera. nelle trincee quotidiane della vita da adulti l’ateismo non esiste. non venerare è impossibile. tutti venerano qualcosa. l’unica scelta che abbiamo è che cosa venerare. e un motivo importantissimo per scegliere di venerare un certo dio o una cosa di tipo spirituale – che sia gesù cristo o allah, che sia yhwh o la dea madre della religione wicca, le quattro nobili verità o una serie di principi etici inviolabili – è che qualunque altra cosa veneriate vi mangerà vivi. se venerate il denaro e le cose, se è a loro che attribuite il vero significato della vita, non vi basteranno mai. non avrete mai la sensazione che vi bastino. ...>>

Tags: ,

domenica 9 ottobre, 2011 11:59:10 visioni Nessun commento

i cervelli sono pieni di parole – josè saramago

emilio isgrò

emilio isgrò

le parole sono buone. le parole sono cattive. le parole offendono. le parole chiedono scusa. le parole bruciano. le parole accarezzano. le parole sono date, scambiate, offerte, vendute e inventate. le parole sono assenti. alcune parole ci succhiano, non ci mollano; sono come zecche: si annidano nei libri, nei giornali, nelle carte e nei cartelloni. ...>>

Tags: ,

domenica 9 ottobre, 2011 11:42:29 visioni Nessun commento

sei la barriera lieve – iosif brodskij

cy twombly

cy twombly

sei migliore del nulla.
o meglio: sei più prossima,
sei più visibile.
di dentro, ad esso
del tutto simile.
nel volo tuo
il nulla acquista carne;
nel quotidiano strepito
ecco perché
uno sguardo tu meriti:
sei la barriera lieve
fra il nulla e me.

ordinabile presso

Tags: ,

sabato 8 ottobre, 2011 14:26:09 visioni Nessun commento

che ne è dei giardini? – ghiannis ritsos

claude monet

claude monet

arrivavi sempre
coi fiori in mano.
vi aspettavo,
i fiori e te.
che ne è dei giardini?

ordinabile presso

Tags: ,

lunedì 3 ottobre, 2011 12:39:24 visioni Nessun commento

i miei occhi sono chiavi – alejandra pizarnik

michael kenna

michael kenna

quando mi guardi
i miei occhi sono chiavi,
il muro ha segreti,
il mio timore parole, poesie.
solo tu fai della mia memoria
una viaggiatrice affascinata,
un fuoco incessante.

ordinabile presso

Tags: ,

sabato 1 ottobre, 2011 8:46:25 visioni Nessun commento

nel sole violento di luglio – michela murgia

edward hopper

edward hopper

le sue sorelle erano già signorine e lei giocava da sola per terra a fare una torta di fango impastata di formiche vive, con la cura di una piccola donna. muovevano le zampe rossastre nell’impasto, morendo lente sotto i decori di fiori di campo e lo zucchero di sabbia. nel sole violento di luglio il dolce le cresceva in mano, bello come lo sono a volte le cose cattive.

ordinabile presso

Tags: ,

martedì 20 settembre, 2011 12:35:38 visioni Nessun commento

le parole tra noi leggere – eugenio montale

gerhard richter

gerhard richter

… le parole
tra noi leggere cadono. ti guardo
in un molle riverbero. non so
se ti conosco; so che mai diviso
fui da te come accade in questo tardo
ritorno. pochi istanti hanno bruciato
tutto di noi: fuorché due volti, due
maschere che s’incidono, sforzate
di un sorriso

ordinabile presso

Tags: ,

mercoledì 14 settembre, 2011 20:44:38 visioni Nessun commento

in un estraneo rifugio silenzioso – rainer maria rilke

anish kapoor

anish kapoor

come potrei trattenerla in me,
la mia anima, che la tua non sfiori;
come levarla, oltre te, ad altre cose?
ah, potessi nasconderla in un angolo
perduto nella tenebra, un estraneo
rifugio silenzioso che non seguiti
a vibrare se vibri il tuo profondo.
ma tutto quello che ci tocca, te
e me, insieme ci prende come un arco
che da due corde un suono solo rende.
su qual strumento siamo tesi, e quale
violinista ci tiene nella mano?

ordinabile presso

Tags: ,

mercoledì 14 settembre, 2011 20:13:30 visioni Nessun commento

attraversando le eterne nebbie – michail jur’evič lermontov

robert mapplethorpe

robert mapplethorpe

il proscritto dal cielo, il triste demone
volava sulla terra dei peccati,
ed i ricordi dei felici giorni
si affolavan nella sua memoria:
dei giorni in cui nelle celesti plaghe
egli luceva puro cherubino
e la cometa fuggitiva a lui
un amico saluto rivolgeva,
e amabilmente gli parlava. allora
attraversando le eterne nebbie,
avido di conoscenza, seguiva
le nomadi carovane di stelle
nelle plaghe del cielo immense sparse;
quando credeva ed amava: felice ...>>

Tags: ,

sabato 10 settembre, 2011 12:13:26 visioni Nessun commento

si dolce è il tormento – paolo fresu e uri caine

ordinabile presso

Tags: ,

venerdì 9 settembre, 2011 1:47:58 visioni Nessun commento

amo non l’icona – gianni gasparini

robert mapplethorpe

robert mapplethorpe

amare amarti ancora
sebbene io debba disperare
amare amarti senza
la speranza di riuscire
a dirmi tutto
a comprenderti per intera

e ancora still todavìa
pourtant je t’aime

amo non l’icona
l’immagine sognata
di te lontana evanescente
amo i capelli scarmigliati
la bocca la nuca la carne tua ...>>

Tags: ,

giovedì 8 settembre, 2011 0:08:43 visioni Nessun commento